2011/06/27

Apollo 15 nella mappa lunare del Lunar Reconnaissance Orbiter

di Paolo Attivissimo. L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Presso http://wms.lroc.asu.edu/lroc#damoonhttp://target.lroc.asu.edu/da/qmap.html sono disponibili due mappe interattive della Luna, basate sulle immagini raccolte dalla sonda Lunar Reconnaissance Orbiter che sta orbitando intorno al nostro satellite dal 2009. È la stessa sonda che ci ha regalato l'immagine da 500 megabyte della faccia visibile della Luna.

Grazie al lavoro di ricerca di Danny Caes, membro di ProjectApollo, e del lettore Stephen McPuppa è possibile esplorare alcuni punti significativi di queste mappe, come quello che vi propongo adesso.

Partiamo dalla prima mappa, la WMS Image Map:



Immettiamo 26.132 nella casella Center Latitude3.658 nella casella Center Longitude e poi clicchiamo su Recenter. La Luna è vista da un'angolazione differente rispetto a quella precedente, che era centrata sull'equatore lunare e sulla longitudine zero: ora è centrata esattamente sopra il luogo di allunaggio della missione Apollo 15.


Possiamo ora ingrandire e ricentrare progressivamente l'immagine:







La risoluzione di questa mappa si ferma a questo punto, quando l'inquadratura presenta la porzione di superficie lunare mostrata qui accanto e delimitata dal quadrato rosso. Ma possiamo proseguire cambiando mappa e passando alla ACT-REACT Quick Map e immettendo gli stessi dati (3.658 nella casella Lon e 26.132 nella casella Lat).

Clicchiamo sul segno "+" in alto a destra e disattiviamo l'opzione Nac footprints (che traccia linee rosse che ora non ci interessano); clicchiamo sul segno "-" in basso a destra per disattivare la vista d'insieme.

Selezioniamo 500 m/pix, ossia la risoluzione alla quale un pixel corrisponde a cinquecento metri, e a seconda delle dimensioni della finestra del browser otteniamo un'immagine che corrisponde sostanzialmente a quella finale della mappa precedente. Solo che stavolta possiamo aumentare ancora la risoluzione scegliendo valori più piccoli per m/pix:



C'è un po' di confusione da 32 m/pix fino a 2 m/pix a causa della sovrapposizione di varie immagini della stessa zona che non sono perfettamente allineate fra loro, poi l'immagine ritorna nitida. La porzione che ci interessa è quella segnata nell'immagine qui sotto:


Ingrandendo quella porzione si ottiene questa immagine, che in basso a destra mostra un puntino chiaro circondato da un alone molto scuro: è lo stadio di discesa dell'Apollo 15.


Centrando e ingrandendo, si ottiene questa immagine:


Gli altri punti luminosi sono rispettivamente il Rover (l'automobile elettrica, a destra) e gli strumenti della serie ALSEP (a sinistra). Le linee irregolari scure sono le tracce delle impronte degli astronauti, immutate dopo quarant'anni.


La stessa visualizzazione è possibile per gli altri veicoli Apollo a coordinate leggermente sfalsate rispetto a quelle riportate qui:

Apollo 11: Lon 23.435, Lat 0.672 (link)
Apollo 12: Lon -23.422, Lat -3.01 (link)
Apollo 14: Lon -17.476, Lat -3.646 (link)
Apollo 15: Lon 3.658, Lat 26.132 (link)
Apollo 16: Lon 15.500, Lat -8.977 (link)
Apollo 17: Lon 30.75, Lat 20.19 (link)

8 commenti:

Stephen McPuppa ha detto...

E` chiaro che non ci sono alieni sulla luna, se dopo 40 anni ci sono ancora le impronte... o sono degli zozzoni o hanno una pessima signora delle pulizie.
Comunque ... affascinante pensare che lassu` ci sono ancora le macchine che ci hanno permesso l'esplorazione della luna, sarebbe molto bello riuscire a vederli da vicino.

Non e` che hai sottomano le coordinate degli altri siti...

Stephen McPuppa ha detto...

Ah, ho scoperto che cliccando sul + in alto a destra e deselezionando "NAC footprints" si eliminano le bande rosse delle scansioni.

Paolo Attivissimo ha detto...

Non e` che hai sottomano le coordinate degli altri siti...

Non ancora, ma sto cercando di procurarmele.

ho scoperto che cliccando sul + in alto a destra e deselezionando "NAC footprints" si eliminano le bande rosse delle scansioni.

Ottimo, grazie! Aggiorno subito l'articolo.

Mike J. Lardelly ha detto...

Non si è capito che cosa è quella specie di alveo fluviale a sinistra del sito di allunaggio?

Paolo Attivissimo ha detto...

Mike,

è la Hadley Rille: si pensa si tratt di un canale di flusso lavico.

Capitan A ha detto...

Questo dovrebbe tagliare la testa al toro ed a tutti i luna complottisti... cosa si inventeranno ora??

Gabriele Riva ha detto...

Dai, che voglio nella mia vita riuscire a vedere una missione lunare con gli astronauti che visitano i loro mitici precursori. E magari recuperare qualcosa che è stato dimenticato lassù ;)

Stephen McPuppa ha detto...

Beh, sono onorato di essere citato esplicitamente nell'articolo... La presentazione come la proponi tu fa molta impressione perche` ci si rende conto che di quanto grande e` la luna. Sembra sempre che sia una piccola pallina di qualche centinaio di Km (almeno a me :D).
Grazie per i link con gli altri siti di allunaggio.

E magari recuperare qualcosa che è stato dimenticato lassù ;)

Toh.. le chiavi di casa di Armstrong. Ecco dove le aveva perse... ma dove aveva la testa? sulla luna? E il portafogli di Aldrin... vediamo quanti soldi ci sono? Ahh c'e` solo la carta di credito Serenity Express Platinum...

PS: grazie ad un messaggio su uno dei blog ho scoperto Firefly e concordo che sia un peccato che l'hanno interrotta.