2013/04/20

Lunacomplottista vittima del complottismo: Bart Sibrel accusato di essere un rettiliano

di Paolo Attivissimo. Questo articolo vi arriva grazie alla donazione per il libro “Luna? Sì, ci siamo andati!" di christianpier*.

Bart Sibrel, uno dei più rumorosi sostenitori delle tesi di messinscena intorno agli sbarchi sulla Luna, per anni ha inseguito e assillato gli astronauti protagonisti di queste missioni, tanto che alla fine uno di loro, Buzz Aldrin, gli ha assestato un cazzotto storico, ripreso dalla troupe video di Sibrel, nel 2002.

Il lunacomplottista basa le proprie accuse di falsificazione sull'evidenziazione di presunte anomalie nelle riprese video e fotografiche delle missioni Apollo. Le anomalie sono in realtà fenomeni normali che si verificano anche in altre riprese analoghe, sia sulla Terra che nello spazio, anche nel corso di missioni che non sono in dubbio, ma Sibrel rimane irremovibilmente convinto delle proprie tesi.

Su Youtube è comparso da poco un video, mostrato qui sotto, che dimostra (perlomeno secondo gli standard di Sibrel) un'accusa forse ancora più clamorosa: Bart Sibrel sarebbe in realtà un rettiliano, ossia una creatura che nasconde le proprie vere sembianze simulando un aspetto umano, e a volte questo mascheramento non funziona perfettamente. Nel video, infatti, si vede che durante una sua apparizione televisiva su Fox News i suoi occhi perdono l’aspetto umano e prendono quello tipico dei rettili. E a chi vede complotti dappertutto un video su Youtube basta e avanza, come prova.


Il video è tratto da un'intervista di Fox News, il cui originale è disponibile qui e risale presumibilmente al 2009.

Ovviamente si tratta di artefatti della compressione digitale e della pessima qualità del video, realizzato riprendendo un monitor, ma è stupendamente ironico che chi ha usato video sgranati e maldestramente interpretati come prove delle proprie teorie sia ora vittima del suo stesso metodo usato da altri su di lui.

4 commenti:

Roberto Gatti ha detto...

A proposito di lunacomplottistimo, ho trovato su luogocomune una descrizione delle fasce di van alan secondo mazzucco: "la micidiale cintura di radiazioni che avvolge la terra da polo a polo - non ci si può nemmeno avvicinare da lontano. La fascia si trova a circa 25 chilometri di altezza da terra, e quando una volta lo shuttle, che gira a circa metà della distanza, ha provato ad avvicinarsi solo di un paio di chilometri, gli astronauti hanno raccontato di aver visto l'intera struttura diventare luminosissima, rosso-fosforescente, e di aver continuato a emettere una strana luminosità anche per molte ore dopo essere precipitosamente ridiscesi a quota di crociera."
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=57

Ti giuro che quando l'ho letta sono morto dal ridere!

Roberto Gatti ha detto...

correzione: ho scritto male la parola van allen

Roberto Gatti ha detto...

Altra descrizione di mazzucco delle fasce di van allen: "mentre oggi pare che lo Shuttle non riesca nemmeno ad avvicinarsi al limite inferiore della prima delle due fasce, che già all'interno dell'astonave si verificano fenomeni allucinatori molto simili a quelli provocati dall' LSD"

Che tristezza di uomo...

Luca Favro ha detto...

Come si dice: Chi di complotto ferisce di complotto perisce