2008/01/31

Presentazione (UPD 2010/12/30)

di Paolo Attivissimo. L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Ci sono vari libri, documentari e siti Internet che sostengono di aver trovato le “prove” che confermano l'ipotesi che una o più delle missioni spaziali statunitensi nelle quali gli astronauti misero piede sul suolo lunare a partire dal 20 luglio 1969 fino al 1972 non sarebbero mai avvenute.

Secondo queste fonti (nessuna delle quali, si noti, ha competenze tecniche nel settore), le missioni lunari sarebbero invece state girate in uno studio cinematografico e usate come mezzo per combattere la propaganda sovietica, come sembra mostrare la foto qui accanto (che in realtà presenta l'addestramento all'uso degli attrezzi che verranno adoperati sulla Luna).

In altre parole, secondo gli autori di queste opere, lungi dall'essere un evento storico, lo sbarco sulla Luna sarebbe il più grande inganno di tutti i tempi.

Per fortuna, la letteratura tecnica e Internet sono anche ben forniti di dimostrazioni che smentiscono punto per punto le “prove” trovate dai complottisti. Tuttavia peccano tutte di una certa prolissità, probabilmente inevitabile perché sono preparate con molto più rigore delle “prove” che devono smentire, e sono quasi sempre in inglese, per cui sono poco accessibili a chi non conosce questa lingua. Così sto predisponendo questo blog per l'inevitabile raffica di discussioni e polemiche che si riaccenderà in occasione del quarantesimo anniversario del primo allunaggio umano.

Secondo i complottisti, insomma, sarebbe andata più o meno così come mostra questo fotogramma tratto dal godibilissimo film Capricorn One, in cui la trama raccontava di un finto sbarco su Marte spacciato per un viaggio spaziale reale. Ma i sostenitori di queste teorie dimenticano che in questo film la messinscena veniva smascherata: cosa che dopo quarant'anni non è avvenuta, invece, per le missioni lunari.


Tuttavia questo blog non vuole limitarsi al semplice sbufalamento delle teorie cospirazioniste riferite allo spazio e alla risposta ai dubbi più frequenti delle persone comuni sulle missioni lunari, ma vuole diventare un tributo al coraggio, all'ingegno e alla determinazione degli uomini e delle donne che hanno fatto la storia dell'astronautica e hanno segnato, a volte a costo della propria vita, una tappa irripetibile della Storia.

Qui troverete, quindi, anche articoli che spiegano in dettaglio la tecnologia e la cronistoria delle avventure spaziali statunitensi, russe e di altri paesi, con o senza equipaggio.

Se vi interessa chiarire qualche dubbio sulle missioni lunari o conoscere meglio le teorie cospirazioniste lunari, cominciate leggendo le FAQ: l'elenco commentato delle asserzioni più frequenti dei lunacomplottisti. Buona lettura.


Recensioni e commenti


Guida contro il lunacomplottista (su Leganerd.com)

13 commenti:

yellowratberni ha detto...

Vai paolo, sbugiarda pure questo complotto! :-)

senzanomealcuno ha detto...

Bello, mi piace l'idea, attendo i prossimi post...

Lorenzo ha detto...

Piace molto anche a me l' idea! Anche se ho già letto il dossier antibufala credo che un articolo di Perle Complottiste (complottismo.blgspt.com) ti possa essere di aiuto: http://complottismo.blogspot.com/2008/04/gli-astronauti-tristi-di-mazzucco.html
ciao da Lorenzo

alexandro ha detto...

Ovviamente questo blog va subito nel segnalibri tra i preferiti, non vedo l'ora che ingrani.

Ettore1 ha detto...

BRAVISSIMO !! - Caro Paolo !

brain_use ha detto...

Ah già...
Presente!

Vale56 ha detto...

Paolo un altro blog. Molto bello, lo devo aggiungere ai preferiti.

Max ha detto...

Sono felicissimo di trovare blog come questo.... un mio carissimo amico d'infanzia con il quale ho fatto insieme le scuole, e che consideravo anche decisamente intelligente, da qualche hanno passa centinaia di ore nel web ed è completamente rincretinito dalle teorie complottiste... crede solo ai complotti e niente altro da questo della luna a quello ancor piu sconvolgentemente mostruoso dell scie chimiche.
Ogni volta che tento di imbastire con lui un discorso serio finisce sempre dopo pochi minuti per accusarmi di essere io il credulune o perfino un debunker... da quasi un anno lo lascio perdere perché é tutto inutile.... ma come si fa a debellare questo virus dei complottisti?... avete visto quanti ce ne sono ovunque nella rete?... buon lavoro a tutti per questo blog!!!

Paolo Attivissimo ha detto...

ma come si fa a debellare questo virus dei complottisti?

Nei casi più ostinati, come quello che descrivi, non si debellano: si cambiano gli amici e li si lascia al loro mondo di cretineide e paranoia, che è meglio.

Nei casi blandi, ossia le persone che sono semplicemente poco informate ma hanno la mente aperta e molti dubbi, basta raccontare come sono andate le cose e spiegare le cause dei loro dubbi.

Ti accorgi subito della differenza. L'irrecuperabile non t'ascolta e t'insulta. Il dubbioso ascolta e ringrazia, anche se magari non gli risolvi tutti i dubbi.

Max ha detto...

E si l'avevo capito... è disarmante come ci siano casi, come li definisci tu, "ostinati", contro i quali non si può fare nulla.

La cosa che tra virgolette "mi spaventa" è che, come nel caso del mio amico, alcuni soggetti non avendo basi forti per comprendere quando alcune info sono folli, standosene davanti il pc in un anno o poco piu si trasformano in complottisti senza cervello.

E dire che prima lo conoscevo come una persona che riusciva a capire che 1+1=2 perché è dimostrato e non perché degli strani esseri massonici vogliono farlo credere a tutto il mondo :-).

Quindi bisogna tutti, anche nel nostro piccolo, lottare contro la disinformazione perché può essere un atto criminale... ci stanno soggetti che dicono che l'aids non esiste, che si può curare il cancro senza chemioterapia e prevenzione basta assumere vitamina C... insomma cose incredibili che conoscete senz'altro meglio di me.

sabbe ha detto...

Ciao Paolo,
innanzitutto complimenti per l'ottimo lavoro che tu, e il tuo staff state facendo per smascherare questi "illustri" complottisti.
Penso anchio che questo lavoro serva anche per rendere omaggio a tutte le persone che hanno lavorato, sudato e in alcuni casi anche sacrificato la vita per dare (anche a chi oggi getta fango e discredito) maggior benessere sia tecnologico che culturale.
Forse non e attinente con l'argomento di questo blog, ma comunque volevo dirtelo lo stesso:
Ho appena visto il filmato del nostro "eroe" Mazzucco, dove criticava Piero Angela ed il lavoro del CICAP.

link video: http://www.youtube.com/watch?v=n0altdILE9I

Mi sono chiesto, ma con quale presunzione ci si può mettere davanti ad un PC (tanto non costa nulla), per criticare il lavoro di anni di scienziati, professori e divulgatori scientifici?
Si sostiene che il CICAP e un gruppo "amorfo e senza titolo", ma quali sono i titoli del Sign. Mazzucco, oltre a quelli di sfornare della pessima fantascienza? (Almeno Aismov faceva della fantascienza avendo delle vere basi scientifiche)
Piero e Alberto Angela sono il fiore all'occhiello del palinsesto Rai, persone che per anni hanno fatto della vera divulgazione scientifica, rendendola accessibile anche alla gente comune.
Spero che replicherete presto a questa campagnia diffamatoria, perchè onestamente diventa insopportabile.

Grazie per lo spazio,
Ciao

Sabbe

Paolo Attivissimo ha detto...

Sabbe,

Spero che replicherete presto a questa campagnia diffamatoria, perchè onestamente diventa insopportabile

A parte un articoletto sulla storia dei ricci e i cerchi nel grano, io non replicherò, e dubito che lo faranno gli Angela. E' esattamente quello che vuole Mazzucco: attenzione e rissa. E non gliela regaleremo.

Se dovessimo replicare a tutti quelli che spargono insulti e fandonie, passeremmo la vita a replicare in discussioni sterili e inconcludenti e non faremmo più la divulgazione che apprezzi.

C'è un modo molto semplice per non essere più irritati da personaggi come Mazzucco: smettere di leggerli.

Max ha detto...

Verissimo... non si può discutere con chi non vuole ascoltare e con chi, per chissà quali motivi, si da tanto da fare per gettare discredito sulla comunità scientifica...