2010/03/03

Nono capitolo: le presunte anomalie fisiche

di Paolo Attivissimo

È pronta la versione aggiornata delle bozze del libro Luna? Sì, ci siamo andati!, che include un nuovo capitolo, il nono, dedicato alla spiegazione delle presunte anomalie fisiche presentate dai lunacomplottisti. Lo potete scaricare integralmente dal link qui accanto. Segnalatemi errori e passaggi poco chiari, come sempre, nei commenti o via mail.

Il tempo stringe: vorrei presentare il libro a Torino il 13 marzo prossimo, per cui aspettatevi a breve i capitoli conclusivi e segnalatemi i refusi più presto che potete, prima che vada in stampa.

Grazie!


2010/03/05: nuova versione da scaricare

Ho messo online il PDF aggiornato con tutte le vostre segnalazioni, migliorie e correzioni. Grazie a tutti per il magnifico lavoro. Intanto ho aggiunto qualche pagina con ulteriori sbufalamenti delle tesi lunacomplottiste. Le coordinate del file (7 mega, immagini in bassa risoluzione) sono nella colonna di destra di questo blog.

23 commenti:

Biolca ha detto...

a pagina 210 manca il riferimento alla figura 209 (c'è scritto solo "Figura ") nella spiegazione "in dettaglio" della polvere sulle zampe del modulo lunare

Paolo Attivissimo ha detto...

Sistemato, grazie!

motogio ha detto...

Un refuso a pag 216

La manovra, a detta degli
stronauti, non era facile, ma era comunque fattibile.

Paolo Attivissimo ha detto...

Corretto, grazie!

Trystero ha detto...

Ciao,
a pagina 28 leggo: "Non ho mai guardato nessun [sic] degli 'allunaggi', "

Forse manca la parola "filmato"? Ricordo infatti che Kaysing dichiarò di non aver mai voluto vedere i filmati delle missioni Apollo.

Trystero ha detto...

Scusa... nel messggio precedente ho scritto pag. 28 invece è a pag. 69 che trovo scritto "Non ho mai guardato nessun [sic] degli 'allunaggi',"

Paolo Attivissimo ha detto...

Forse manca la parola "filmato"?

No, è proprio così in originale. Ho controllato adesso. Forse volevano scrivere "nessuno degli 'allunaggi'".

Nato Stanco ha detto...

Volevo fare i complimenti al grandissimo lavoro ma volevo fare un piccolo appunto. Non credi che dedicare 150 pagine al debunking dando "dignità" alle teorie più strampalate e solo una 30 alla vera storia delle missioni sia un pò cavalcare l'onda come i complottisiti. Io dall'introduzione mi aspettavo una specie di Apollo 13 con una storia delle missioni che facesse capire ai giovani che è più interessante la verità dei complotti. (Non potrò mai dimenticare la scena dove il capo missione butta sul tavolo i materiali all'interno della capsula e obbliga i tecnici a trovare una soluzione al problema dei filtri, altro che computer e presentazioni in power point).
Spero che nelle nuove versioni venga presa in considerazione un nuovo capitolo di questo tipo.

Paolo Attivissimo ha detto...

Capisco la tua perplessità, ma a furia di non voler dare dignità di risposta a queste tesi, dopo quarant'anni siamo ancora qui con il 25% dei giovani americani che non crede agli sbarchi.

Va data una risposta, perché altrimenti il dubbio che non si sappia cosa rispondere rimane. Una volta data, ci sarà spazio per tutte le altre magnifiche storie delle missioni lunari. E' già in lavorazione il secondo libro.

theDRaKKaR ha detto...

per quanto riguarda gli URL in versione TinyURL, non so se è già stato affrontato il problema: TinyURL è un servizio commerciale e se domani per esempio l'azienda chiudesse tutti gli URL andrebbero perduti.

Capisco bene che avere URL brevi alleggerisce il testo, ma forse sarebbe necessario allegare in appendice una tabella con l'URL originale per ogni URL TinyURL usato, così da non perdere gi URL in caso di chiusura di TinyURL

cfr. linkrot

Grezzo ha detto...

Complimenti scontati, davvero scritto bene. Dalla lettura degli ultimi capitoli si capisce una cosa molto importante: i complottisti basano le loro teorie solo sull'osservazione delle foto e delle misurazioni a occhiometro e considerazioni del tutto personali senza prendersi la briga di leggere i manuali tecnici (troppo lavoro?) E infatti molte delle risposte che dai nel libro sono le stesse: read the fucking manual!!! ;-)

Comunque secondo me non è solo utile a spezzare le gambe ai lunacomplottisti, ma anche per scoprire dettagli tecnici assolutamente interessanti senza doversi perdere in mezzo a migliaia di pagine di relazioni tecniche.

Trystero ha detto...

Ho cercato in Google Books, e ho trovato la frase originale di Kaysing: "I watched none of the moon "landings", nor did I pay much attention to the print media presentations."
http://tinyurl.com/kaysinginterview

Paolo Attivissimo ha detto...

TinyURL è un servizio commerciale e se domani per esempio l'azienda chiudesse tutti gli URL andrebbero perduti.

Vero, ma non è molto probabile che tinyurl chiuda, e in emergenza io ho nei miei appunti tutti gli url originali corrispondenti.

Non li posso pubblicare in appendice perché altrimenti il libro diventa interminabile, ma posso fare una pagina Web di supporto.


non è solo utile a spezzare le gambe ai lunacomplottisti, ma anche per scoprire dettagli tecnici assolutamente interessanti

È proprio quello l'intento: debunkare educando e divertendo.


Ho cercato in Google Books, e ho trovato la frase originale di Kaysing:

Grazie!

Biolca ha detto...

pagina 161, manca la chiusura di una parentesi (riporto un pezzo di frase):

mostra due astronauti,
reca la dicitura “Day Two”
(“secondo giorno”, ma il luogo è
indubbiamente lo stesso e anche
l'inquadratura è uguale.

theDRaKKaR ha detto...

Non li posso pubblicare in appendice perché altrimenti il libro diventa interminabile

poche fonti eh :)

ma posso fare una pagina Web di supporto

oppure dentro la pennina...

Nato Stanco ha detto...

E' già in lavorazione il secondo libro.

Non vedo l'ora :)

anche per scoprire dettagli tecnici assolutamente interessanti

è vero, ma vale solo per i nerd come noi che si leggono tutto il libro e non per il lettore occasionale.

Ribadisco comunque i complimenti per il minuzioso lavoro.

Mike J. Lardelly ha detto...

Per Paolo Attivissimo:
Un quasi lunacomplottista mi ha chiesto una cosa a cui non sapevo rispondere: se sulla Luna la superficie è tanto polverosa, tenendo conto della gravità bassa, come mai la polvere non è entrata nel LEM? L'ho buttata sul ridere ipotizzando che la scopassero fuori con delle scopette di saggina, ma non credo che questa sia la soluzione al dubbio.

Paolo Attivissimo ha detto...

Mike,

sulla Luna c'è il vuoto, per cui la polvere non viene sollevata in volute come sulla Terra, ma viene spinta orizzontalmente dal getto del motore e poi ricade al suolo immediatamente.

Carina l'idea della scopa di saggina, comunque :-)

theDRaKKaR ha detto...

@mike e paolo

ricordo di aver letto di qualche problema di "malesseri" provati da alcuni astronauti causati *forse* dalla polvere lunare indesideratamente entrata in un modulo.. ho ricordi vaghi..

theDRaKKaR ha detto...

quindi aggiungo che le scope di saggina sarebbero state utili davvero ^___^

Paolo Attivissimo ha detto...

Biolca,

grazie, sistemato!


ricordo di aver letto di qualche problema di "malesseri" provati da alcuni astronauti causati *forse* dalla polvere lunare

Anch'io: tosse e irritazione da inalazione di polvere qui.

Fabius ha detto...

Pag.205: "L'acqua così riscaldata"..."Quest'acqua così riscaldata"... meglio cambiare espressione no?

Paolo Attivissimo ha detto...

Grazie Fabius, certamente è da cambiare. Fatto.